a

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer. Proin gravida nibh vel velit auctor aliquet. Aenean sollicitudin, lorem quis.

a

Latest News

    No posts were found.

 

Corso insegnanti

Corso insegnati

I maestri jyotim

Per conoscere il nostro testimone interiore bisogna prendere in considerazione il fatto di dover sperimentare attraverso una pratica che possa sviluppare una acuta attenzione istante dopo istante. Mente e corpo vengono guidati in un equilibrio armonioso attivo in ogni direzione.

Le “asanas” sono un susseguirsi danzante dove “l’ego” è lo spettatore e la spontaneità del praticante e’ il “cuore” della danza.

Si cerca così la saggezza istintiva del proprio corpo al fine di dissipare tensione e incertezza.

La saggezza è l’intelligenza della materia e ci porta ad una esperienza “intima” che ci permette di penetrare l’asana anche in modo spirituale.

M° Renato Turla

Centro formazioni affiliato CENS
Corso insegnati

Regolamento del corso formazione insegnanti

Il corso insegnanti è libero a tutti coloro che hanno conseguito una esperienza minima di 5 anni di pratica.

01

Per gli allievi che frequentano i centri “JYOTIM” è sufficiente l’assenso del proprio insegnante, per gli allievi provenienti da altre scuole e’ necessario un colloquio con il responsabile del corso formazione.

02

Ogni allievo iscritto al corso è’ tenuto a partecipare almeno a due stages nell’arco di ogni anno con l’insegnante che conduce il corso formazione.

03

La durata del corso è di anni tre! Se alla fine del corso l’allievo non viene giudicato idoneo al conseguimento del diploma dovra’ prolungare la sua partecipazione di un altro anno.

04

I partecipanti al corso sono tenuti a frequentare regolarmente le lezioni presso gli istituti di loro provenienza. In caso contrario verranno sospesi dal corso formazione insegnanti.

05

Trascorsi due anni di frequenza al corso istruttori e’ possibile fare esperienza nell’insegnamento ma solo nell’istituto di appartenenza e sotto la guida o l’approvazione del proprio Senior Teacher. Non e’ consentito condurre autonomamente alcun corso!

06

Scopri di più

Scuole di formazione

Testimonianze

Lo Yoga metodo Jyotim è nel tempo ma senza un tempo, è porsi il perchè di un’azione, creando l’ascolto e da esso l’introspezione, imparando così ad avere una percezione del proprio essere sempre più profonda, grazie la quale si vivrà nel tempo presente annullando le divagazioni della mente concentrandosi sulla forma dell’asana. 

Questo sguardo dà consapevolezza nell’azione mostrando non solo la bella figura ma mettendo in evidenza gli ostacoli che si incontrano e che ci mettono alla prova nella capacità di doverlo affrontare e con il tempo oltrepassarlo, questo percorso affina il pensiero lo rende sempre più lucido aiutando il corpo a prendere una forma

ecco un binomio perfetto tra corpo e mente.

Noi insegnanti Jyotim continuiamo questa ricerca senza tempo tenendo conto dei vari cambiamenti che avvengono non solo da dentro ma anche da quello che si percepisce dall’esterno.

Ci lasciamo guidare dall’amore per la pratica, dalla curiosità del perchè per una pratica sicuramente non meccanica ma intelligente per poter trasmettere al meglio il nostro sapere.

                                                                                                   (Francesca Macetti)

Il termine in sanscrito Jyotim significa “Luminosità”. Capire il significato di questa” luminosità” consiste nel portare il praticante alla ricerca di un sentire puro, autentico, naturale, accettando la difficoltà che trova davanti, eliminando le distrazioni e concentrandosi nei nuovi spazi del corpo da conquistare.

La Pratica Jyotim è Interiorizzare. È una pratica ricca di distinzioni, finezze, ricercatezze verso sé stesso, passando per le difficoltà, capiti come piccoli “sacrifici” che si devono fare per “purificare” e arrivare all’asana al meglio; nel modo più ordinato.

Jyotim è il nostro percorso nello Yoga. È il viaggio dentro noi stessi. È la magia del cambiamento. La metamorfosi che ci aspetta latente in ognuno di noi.

                                                                                                            (Isabel Villanueva Manso)

La pratica di Yoga Jyotim è basata su un ascolto attento e puntuale del corpo in ogni suo aspetto.  Non importa la bellezza esteriore di un’Asana, quanto quello che viene percepito da ogni praticante in quell’istante.Si stimola una percezione profonda della conoscenza del proprio corpo, sviluppando sempre più un pensiero sottile che rende consapevole il praticante di chi “è” veramente. Chi si approccia al Jyotim non cerca una pratica né un insegnamento semplice, bensì un cammino di conoscenza fatto da ostacoli e conquiste che il corpo sottopone continuamente in maniera sempre differente.  Un insegnamento mirato e puntuale sulla fisiologia del corpo e di come esso si muove all’interno delle posizioni, per poter attrarre da questo benefici in primo istante percepiti a livello fisico, ma che proseguendo nella pratica si rifletteranno anche a livello psicosomatico.

(Elena Guerini)

La pratica Jyotim è paragonabile ad un” Meraviglioso Lungo Viaggio ” dove possiamo sviluppare un lavoro immenso che probabilmente richiede più di una vita.
Come un viaggiatore che ha bisogno di incontrare emozioni, stati d’animo, difficoltà e riuscire a vederle…accoglierle per trasformarle in opportunità.
Qui è fondamentale ” l’Ascolto” per coltivare la capacità di comprensione.
La pratica Yoga è un modo per avvicinarsi a questo Ascolto, curare il corpo fisico (che ci contiene in questa vita..) ma anche un modo per rieducare la mente e renderla partecipe all’istante senza quella continua agitazione che lei avrebbe come attitudine.
E ancora è sviluppare l’arte di” Interiorizzare ” quell’arte di risvegliare dei sentimenti che si manifestano all’interno di noi in differenti modi.
In tutto questo non ci sono aspettative o attaccamenti … essere legati a un risultato è come se in realtà fossimo allontanati da quel risultato.
Dopo molti anni di lavoro, costanza e crescita la sensazione di aver appreso sufficientemente non si manifesta anzi subentra un bisogno continuo di ricerca.
Ecco che l’asana viene vissuta in tutte le sue forme, in tutte le sue sfaccettature.
Un insegnante propone la sua esperienza perché incontra o ha incontrato la stessa difficoltà che incontra un allievo.
Il percorso è uguale per tutti quello che è fondamentale è il Tempo.
L’insegnante impara dallo stesso allievo perché attraverso il Tempo ha sviluppato una qualità molto alta di ” Sentire” di “Ascolto sincero” come mezzo di visione.
La sua pratica è diventata talmente sensibile da trasmettere all’allievo la voglia di innamorarsi di questa disciplina o quantomeno di assaporarla nella sua pura e semplice Essenza.
Noi tutti realmente non siamo mai da soli anche se tutti lavoriamo per ” SE ” c’è sempre una guida importante in cui poter credere e abbandonarsi …..

(Monica Bertini)

Jyotim è un’associazione di insegnanti yoga che portano avanti il metodo del M° Renato Turla ottenendo negli anni di formazione i livelli di:

  • Teacher
  • Advanced teacher
  • Senior teacher

La passione è ciò che muove il nostro cammino di pratica e di insegnamento.
L’insegnamento ha bisogno di essere nutrito per mantenersi interessante e per non cadere nelle abitudini. Noi insegnanti Jyotim ci incontriamo regolarmente ai corsi di formazione per mantenere la pratica viva e in costante evoluzione: una tradizione da tramandare dove si fonde la conoscenza del passato con la ricerca e la sperimentazione.
La ricerca continua per il raggiungimento di un obiettivo si fonda sulla creatività per scoprire il nuovo e non dare niente per scontato.
La pratica ci mette in condizione di indagare il nostro corpo e la nostra mente con una tecnica precisa e sottile che mette in luce gli ostacoli in modo da affrontarli con onestà: sentire intensamente anche piccolissimi movimenti e parti del corpo, provocando emozioni e dando adito al successo.
Nel nostro insegnamento siamo mossi da un senso di generosità e di empatia, dando agli allievi la fiducia che abbiamo guadagnato praticando e riconoscendo le difficoltà, perché noi stessi abbiamo imparato e impariamo ad affrontare le nostre.
Trasmettendo la nostra esperienza, il nostro intento è di accompagnare gli allievi ad una pratica sicura a garanzia della propria salute e conoscenza e ad essere consapevoli perché imparino a “camminare con le loro gambe” con senso critico e autonomia.
Li accompagniamo passo per passo ad osservare l’asana con chiarezza in modo da togliere dubbi e insicurezze ma anche illusioni. Di non cadere nella tentazione di dimostrare, ma di capire come superare i propri limiti e sentire il benessere che lascia la pratica.

(Marjolaine Marc – Giulia Coliola – Angela Bolognesi)

Il gruppo riunisce insegnanti (spesso nati da esperienze diverse) che condividono la passione per una pratica attenta e precisa dove il corpo è il punto di partenza per un viaggio interiore ampio e profondo, fatto di ascolti sinceri, ricerche e soluzioni.
Per noi lo Yoga è Ascolto e ricerca continua. Lo scopo principale della nostra pratica non è copiare una forma (Asana), ma ricercarne “l’esperienza”, conoscere e vivere a fondo ogni piccolo dettaglio che porta al compimento di essa.
Con la pratica ci alleniamo alla vita.
Impariamo ed insegniamo attenzione, ricerca, concentrazione, forza e tenacia, ma anche semplicità, rispetto e delicatezza. Impariamo ad osservare le difficoltà e gli ostacoli (del corpo come della vita) e a indagare soluzioni con cui affrontarli, con pazienza, cura e precisione, senza false soluzioni, senza giudizi.
Scendiamo in profondità, tralasciamo l’inutile, ricerchiamo eleganza e viviamo il presente dando al tempo e al cambiamento il loro giusto valore.

(Lisa Ghezzi)